LE ORTICHE IN CUCINA

RICETTA URTICANTE ….. GNOCCHI IN SALSA DI ORTICHE .-)

Salsa di ortiche.L’ortica (nome scientifico urtica dioica) è sicuramente una fra le piante le cui proprietà sono note fin dall’antichità e che oggi rappresenta un componete ed un principio attivo fra i più importi fra le applicazioni mediche nonché nella realizzazione di prodotti estetici e prodotti cosmetici fra cui lo shampoo naturale.
Nell’antica Roma l’ortica veniva utilizzato come afrodisiaco ovvero quale principio attivo dell’amore in tutti i filtri e pozioni dell’epoca inducendo i consumatori a fare l’amore in modo disinibito. Lo stesso Ovidio la consigliava miscelata con miele, cipolla, uova e pinoli.
Dell’ortica a secondo dell’utilizzo vengono utilizzate le foglie, il fusto e le radici. In particolare le foglie racchiudono numerosi principi attivi tra cui vitamine del gruppo B (B2, B5 ed acido folico), le vitamine A,C ed E e molti minerali come il magnesio, il ferro, il silicio ed alcuni oligoelementi come lo zinco ed il rame. Tutte queste sostanze agiscono in modo molto efficace per il trattamento delle unghie fragili e dei capelli deboli con le doppie punte nonché per la caduta dei capelli, stimolandone la crescita.
Lo zinco contenuto nel fusto è molto utilizzato per la preparazione di prodotti cosmetici nonché, più artigianalmente, di impacchi e lozioni per combattere l’acne e molte irritazioni cutanee fra cui anche l’eczema.
La radice ricca di beta-sitosteroli trova applicazioni in medicina ed in particolar in urologia per l’ipertrofia prostatica.
Volendo riassumere i principali utilizzi dell’ortica possiamo stilare un piccolo memorandum delle sue applicazioni relativamente alle sue svariate proprietà che sono:
Depurativa, diuretica e alcalinizzante: si può usare in caso di affezioni reumatiche, di artrite, di gotta, di calcoli renali, di renella ovvero se si vuole un’azione depurativa e diuretica. L’ortica ha una grande capacità di alcalinizzare il sangue e facilita l’eliminazione dei residui acidi del metabolismo, che sono strettamente legati a tutte queste malattie.
Antianemica: si usa nelle anemie causate da mancanza di ferro o da perdite di sangue; il ferro e la clorofilla che abbondano nell’ortica stimolano la produzione dei globuli rossi; l’ortica è consigliata anche in caso di convalescenza, di denutrizione e di esaurimento, perché è ricostituente e tonificante.
Vasocostrittrice ed emostatica: molto utilizzata nei casi di emorragie nasali e uterine. Serve inoltre per le donne che soffrono di mestruazioni abbondanti. La sua prescrizione deve essere fatta sempre dal medico di fiducia.
Digestiva: si ottengono buoni risultati nei disturbi digestivi causati da atonia o da insufficienza degli organi dell’apparato digerente. L’ortica contiene piccole quantità di cretina, un ormone prodotto da alcune cellule del nostro intestino, che stimola la secrezione del succo pancreatico e la motilità dello stomaco e della cistifellea: l’ortica facilitata così la digestione migliora la capacità di assimilare i cibi.
Astringente: utilizzata ai tempi del colore per fermare le diarree è utile in caso di colite o di dissenteria
Ipoglicemizzante: esperimenti su numerosi pazienti hanno dimostrato che le foglie di ortica fanno abbassare il livello di zuccheri nel sangue.
Galattogena: aumenta la secrezione del latte materno e perciò è consigliabile durante l’allattamento.
Emolliente: per il suo effetto emolliente si raccomanda nelle malattie croniche della pelle, specialmente in caso di eczemi, di eruzioni e di acne; si usa anche contro la caduta dei capelli; pulisce, rigenera e rende più bella la pelle.


RICETTA


Gnocchi  in salsa di ortiche




Ingredienti per 4 persone:
gnocchi di patate gr. 500, per la ricetta  clicca sul link



Per la salsa:
50 gr. di cipolla affettata, 
150gr. di foglioline o cimette d’ortica,
50gr. brodo vegetale,
1o gr. olio evo, sale e pepe.


Lavate in abbondante acqua e bicarbonato le foglioline di ortica, asciugatele con cura.
In una padella rosolate la cipolla per pochi minuti e aggiungete le foglie di ortica, continuate la cottura per 2/3 minuti ancora, unite la panna e il brodo e lasciate cuocere per altri pochi minuti.
Togliete dal fuoco e frullate il tutto.
Passate il composto attraverso un colino,  otterrete una crema liscia e omogenea.  
Regolate di sale e pepe.
Con questa crema condite gli gnocchi o qualsiasi altro formato di pasta scegliate e buon appetito!


Giulia A. Sanseverino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...