MENESTRA MARITATA

MENESTRA MARITATA
Deliziosissima ricetta, comune a gran parte della Campania e che ogni paese interpreta a suo modo, rivendicandone la paternità. Non è consigliabile a chi avesse problemi di obesità o colesterolo, ma una volta all’anno non può nuocere a nessuno. La menestra maritata dovrebbe essere cotta in una specie di anforetta panciuta di terracotta (o pignatiello) sul fuoco del camino.
La minestra maritata, o meglio la menestra maritata, è una zuppa tradizionale ed antica di gran parte della Campania, che ogni paese interpreta a suo modo, rivendicandone la paternità. E’ un piatto molto sostanzioso in cui in cui carne e verdure si “maritano”: è una minestra ricca di verdure a foglia e carni, cotta in pignatta sul fuoco del camino, la cui denominazione deriva proprio dal matrimonio di queste due categorie di ingredienti.
Tradizionalmente ad Ischia viene preparata per il giorno di Santo Stefano, ma nell’area napoletana e casertana trova il suo spazio anche come minestra pasquale.
La ricetta della minestra maritata nel corso degli anni è stata notevolmente rimaneggiata eliminando o modificandone gli ingredienti che sono sempre più rari da reperire in commercio.
Durante le festività tradizionali, tuttavia, nei mercatini rionali di Napoli ancora si possono acquistare le verdure tipiche per preparare la minestra maritata, che sono tipicamente cicora, piccole scarole (scarulelle), verza e borragine, che ne conferisce una nota amarognola. In qualche variante si usa anche la catalogna.
La carne è tipicamente di maiale, con tracchie, salsicce e altri tagli.
Nella tradizione più antica invece del pane tostato si usano gli scagliuozzi, tipiche frittelle di farina di mais fritte dalla forma arrotondata, adagiate sul fondo del piatto.
Ingredienti
  • Verdura mista ( Scarola, verza e cavoli)
  • 1 piedino di maiale
  • 1 coda di maiale
  • 4 pezzi di salsiccia fresca
  • 2 cotechini piccoli
  • 2 pezzenti (salsicce piccanti di frattaglie)
  • 150 grammi di cotiche pulite e tagliate a pezzi
  • 1 etto di fagioli cannellini lessati (o borlotti)
  • una carota
  • Peperoncino
  • aglio
  • olio di oliva
Preparazione
In poco olio di oliva far colorire uno spicchio di aglio con il peperoncino e la carota tritata. Togliere l’aglio e aggiungere prima il piedino di maiale, la coda e le cotiche e, quindi, le salsicce, i cotechini, i pezzenti tagliati a pezzi. Cuocere per una mezz’ora, aggiungere la verdura lessata ed i cannellini e far stufare per altri 10 minuti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...