PAELLA DI PESCE E VERDURE

PAELLA DI PESCE E VERDURE

  

IngredientiPer 6-7 persone

  • qualche carcassa per fare del fumetto
  • 4 grossi calamari
  • 2 filettini che tengano la cottura
  • 1,5 kg fra cozze e vongole
  • 6 cicale (o scampi)
  • 300 gr di pomodorini ciliegini
  • 1/2 peperone giallo
  • 1/2 peperone rosso
  • piselli e fagiolini a piacere
  • 2 cipollotti
  • 3 grossi spicchi d’aglio fresco
  • 500 gr di riso
  • 2 bustine di zafferano
  • dado vegetale

Preparazione

Pulizia pesce
Mettere le vongole in acqua salata (meglio se acqua in bottiglia, 1,5 cucchiai di sale per litro) a pulirsi.Intanto, con una paglietta metallica, pulire la superficie delle cozze e toglierne la barbetta (buttare quelle rotte).Pulire (se non l’avete fatto fare al pescivendolo) i calamari, eliminando la cartilagine interna, rimuovendo testa ed interiora. Della testa io tengo solo la parte con i tentacoli, mentre il resto, pulito dalla vescichetta e interiora, lo metto nella pentola del fumetto

.Tagliare infine il corpo del calamaro ad anelli.Lavare in acqua corrente i crostacei. Nel caso delle cicale, tagliare le zampette e fare la punta alla coda.Tagliare i filetti a quadratini di 5 cm circa di lato.

Pre cotture (circa 1 ora)Mettere a cuocere il fumetto con poco sale o dado vegetale, fatto in casa, mi raccomando.Mettere i peperoni in forno a 240° C per 20 minuti circa.Intanto, in acqua bollente salata, far cuocere 10 minuti i piselli, quindi scolarli e metterli subito in acqua ghicciata.Eseguire la stessa operazione con i fagiolini, ed una volta tolti anche dall’acqua ghiacciata, tagliarli in bastoncini da 4-5 cm.Nel frattempo i peperoni dovrebbero iniziare a formare sulla superfice delle bolle e la pelle a bruciacchiarsi. Toglierli dal forno e metterli in un sacchetto di carta, per favorire il distacco delle pelle.
Mentre i peperoni di passano, mettere a cuocere sulla griglia i crostacei: io me regolo con il colore della carne, che diventa bianca, e con quello del carapace, che tende al rossiccio. Quando saranno intiepiditi, tagliarne la schiena o i bordi per favorirne l’apertura mentre si mangiano.Mentre cuociono i crostacei, tagliare a metà i pomodorini.Togliere i peperoni dal sacchetto, spellarli e farli a quadrati di 2 cm circa di lato.

Mettere nella paella 1/2 bicchiere d’olio ed uno spicchio d’aglio in camicia. Scaldare a fuoco vivace, versarvi le cozze, farle aprire e metterle da parte. Buttare l’acqua di cottura.
Rimettere olio ed uno spicchio d’aglio in padella, questa volta mettere le vongole, ed appena si aprono metterle da parte.

Il sugo che hanno rilasciato andrà aggiunto alla pentola del fumetto.

Cottura (1-1.5 ore circa)Mettere 1/2 bicchiere d’olio con uno spicchio d’aglio nella pentola e far friggere a fuoco vivace i filettini, quindi metterli da parte.
Aggiungere ora all’olio i cipollotti affettati grossolanamente, i calamari e cuocere a fuoco medio per 5 minuti.


Aggiungere i pomodorini e continuare la cottura altri 5 minuti.
Abbassare la fiamme ed aggiungere peperoni, piselli, fagiolini e cuocere altri 5 minuti.Prima di iniziare con il riso, io consiglierei di mettere in forno a bassa temperatura, tutti i pesci messi da parte

(cozze, vongole, crostacei, filetti) in contenitori coperti, con un velo di fumetto sul fondo, in modo da scaldarsi senza seccarsi.





Aggiungere ora il riso, lo zafferano sciolto in una tazza di fumetto, e tanto brodo quanto pasta a coprire tutto abbondantemente. Se non bastasse il brodo (probabile) aggiungere acqua calda, mi raccomando sempre calda, altrimenti si rischia di bloccare la cottura del riso.La cottura del riso va iniziata a fuoco vivace per 7-10 minuti, proseguita a fuoco dolce.Aggiungere quindi tutto il pesce e continuare la cottura a fuoco dolce per altri 5-7 minuti.A questo punto il brodo doverebbe ormai essere quasi tutto assorbito, quindi continuerei la cottura per altri 3-4 minuti coperto per completare l’asciugatura.Alla fine il riso deve essere asciutto, non bagnato come nel risotto, e cotto il più uniformemente possibile. Per farlo, evitate di mescolarlo troppo, in modo che non rilasci troppo amido.
Togliere dal fuoco e far riposare 10 minuti coperto da un panno. Servire guarnito con fettine di limone e se lo gradite con una spolveratina di prezzemolo (non lo consiglio) o una grattuggiatina di buccia di limone e arancia: quest’ultima è una mia idea, ma da un buon aroma, tutto di mediterraneo.

Consigli
Se vi sentite in difficoltà con la cottura del riso (a me questa volta è capitato per aver esagerato con il riso) potete coprire la paella con alluminio e cuocere in forno a 160-180°C.Prestate attenzione però, perchè in questo modo, con l’umidità trattenuta, il riso rischia di lessarsi o peggio ancora diventare risotto.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...