Cappone Ripieno Con Castagne


CAPPONE RIPIENO CON CASTAGNE

Il cappone ha una tradizione gastronomica antichissima, legata in particolare al Natale ed alle festività di fine anno. Una produzione che era molto diffusa nelle campagne del Piemonte, dove praticamente in ogni cascina si allevavano capponi, che poi venivano venduti al mercato per arricchire la tavola con una specialità gastronomica considerata all’epoca un “lusso”.
Negli ultimi anni, la storica manifestazione ha ripreso vigore, unitamente al desiderio dei consumatori di ricercare specialità alimentari gustose, genuine e di origine garantita, per arricchire nel migliore dei modi i menù delle famiglie e dei ristoranti.

Ingredienti:(per 6 persone)

  • 1 cappone,
  • 300 g lonza di maiale macinata,
  • 300 g polpa di vitello macinata,
  • 100 g prosciutto cotto a dadini,
  • 100 g di ricotta,
  • 500gr di castagne lessate
  • 3 uova,
  • 50 g pangrattato,
  • 1 bicchierino Marsala,
  • 30 g olio d’oliva,
  • 30 g burro a noci, q.b.
  • sale, q.b.
  • pepe




Preparazione:Incidete con un coltello lungo lo sterno del cappone.

Disossate il petto. 
È necessario estrarre l’intera cassa toracica e parte della carne del petto. Se non siete pratici, non è un’operazione semplicissima. 
Potete eventualmente chiedere al macellaio di compierla. 

Cominciate ad accendere il forno a 160°. 
Macinate in una ciotola la carne che avete estratto dal petto. Aggiungete la polpa di vitello e la lonza di maiale, e continuate a macinare. 
Unite i dadini di prosciutto Unite le uova sbattute, la ricotta e infine le castagne sbriciolate.
 Aggiungete il Marsala. Aggiungete il pangrattato, sale & pepe, e mescolate fino a uniformare quanto possibile il tutto. 
La vostra farcitura, o farcia, è pronta! 
Con la massima attenzione, farcite il cappone attraverso l’apertura che avete praticato nel petto. 
Una volta compiuta l’operazione, cucite l’incisione. Ungete il fondo di una pirofila con un filo d’olio, e poi adagiatevi il cappone. 
Occorre ora salare e pepare la superficie del cappone. Sulla superficie, ora posizionate le noci di burro. Doratelo con l’olio che vi è rimasto. Mettete nel forno già caldo,

“Prima lo si rosola per 15-20 minuti a 200 gradi aggiungendoci un po’ di vino bianco secco, sale e pepe –  poi si abbassa il forno a 160 gradi e si prosegue la cottura per un’ora e mezza, massimo due, bagnando di tanto in tanto il preparato con del brodo caldo”. A metà cottura si possono aggiungere nella teglia delle castagne intere spellate per guarnire il tutto. 
“Per la buona riuscita del piatto  – è meglio cuocerlo il giorno prima. Al taglio le fette rimarranno intere e potranno così essere facilmente riscaldate nel sugo creatosi durante la cottura”. E per il contorno? Con le patate al forno non si sbaglia mai, ma un’ottima alternativa sono anche i fondi di carciofi in tegame. 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...